Mario non era preoccupato solo per la sua cucina, perché doveva anche arredare il soggiorno.

E presentava alcuni problemi che non sapeva come risolvere.

Questo ambiente doveva ospitare l’arredamento per due importanti funzioni: la zona living e la sala da pranzo.

Ma c’erano dei vincoli.

Mario aveva già un divano piuttosto grande da posizionare, ed un pavimento in legno dal colore molto scuro per quella stanza relativamente piccola. Sostituire il pavimento, avrebbe avuto dei costi e dei disagi che avrebbe preferito evitare.

Quindi abbiamo cercato un’altra soluzione.

Abbiamo adottato il divano e il pavimento come punti fissi intorno ai quali costruire l’ambientazione per la nuova casa di Mario.

Arredare il soggiorno: come creare una location di design

Il divano, viste le sue dimensioni, poteva essere posizionato soltanto in una zona del soggiorno. Di è conseguenza, abbiamo dovuto studiare la miglior disposizione di tutti gli altri arredi.

Il pavimento scuro, invece, ci ha “costrette” all’utilizzo di colori chiari: sia per ottenere un piacevole contrasto, sia per dare più luminosità all’ambiente.

Il risultato ha decisamente stupito Mario.

Lo studio dei colori

arredare il soggiorno

La scelta è caduta su colori chiari e neutri come il bianco e il sabbia. Sono bianchi sia i mobili, sia il tavolo da pranzo. E sono bianche anche le pareti, eccetto una, che ha una finitura materica color sabbia.

La stessa finitura color sabbia è stata data alla veletta in cartongesso sopra il divano, con led ad incasso: ribassare leggermente il soffitto serve a rendere più accogliente e raccolta la zona relax.

Uno specchio sulla parete aiuta a dare maggior ampiezza al soggiorno.

Dividere ma non dividerearredare il soggiorno

Per arredare il soggiorno di Mario, era necessario identificare due aree: una per la zona living e una per la sala da pranzo.

Meglio dividerle o non dividerle?

Una parete divisoria avrebbe ostruito la luce e ridotto quella luminosità che stavamo cercando con l’utilizzo dei color chiari. Lasciando tutto aperto, invece, il tavolo da pranzo si sarebbe trovato proprio di fronte alla porta di ingresso.

Alla fine abbiamo capito che la miglior soluzione per questo soggiorno era un’altra.

La miglior soluzione era: dividere MA non dividere.

Ecco perché abbiamo scelto la tenda decorativa Foscari di De Castelli per creare un filtro tra l’ingresso e il pranzo. La tenda divisoria fa sì che la zona pranzo abbia più intimità, ma senza che appesantisca l’ambiente in quanto consente il passaggio della luce.

Non trovi anche tu che, con questa idea, il soggiorno di Mario sia elegantissimo? 😉

Continue Reading

Molte persone che devono arredare una cucina piccola, pensano che non si possa personalizzare. Che avendo spazi molto ridotti, non ci sia altra alternativa alle cucine dai moduli standard e prive di design.

Lo stesso valeva per Mario: quando ci ha chiamate era davvero disperato.

Doveva trasferirsi nella sua casa nuova appena comprata, un appartamento situato al primo piano di una palazzina recentemente costruita.

Ma la cucina era proprio piccola.

Aveva pochissimi metri a disposizione, un ingresso molto stretto ed una parete non arredabile perché in gran parte occupata dalla finestra.

arredare una cucina piccola

Gli sarebbe piaciuto creare una bella atmosfera nella sua nuova casa, ma secondo lui c’era ben poco da fare.

Come si può dare carattere ad una stanza così piccola?

Arredare una cucina piccola con stile si può!

Quello che Mario non sapeva è che, : si può dare carattere anche ad una stanza così piccola.

Si possono utilizzare luci e colori in modo da farla apparire luminosa, scovare soluzioni per recuperare spazio… insomma, si può creare una vera cucina di design anche con pochi metri quadrati a disposizione.

E così Mario si è giocato la sua ultima carta prima di rassegnarsi ad una cucina standard e senza stile.

Ha deciso di contattarci per vedere se noi saremmo state in grado di risolvere il suo problema e studiare una soluzione che fosse davvero… wow!

La ricerca dell’armonia e dello spazio

Naturalmente, riuscire a creare una bella location per questa piccola cucina, è stata una bella sfida!

Sfida che si è però risolta piacevolmente, soprattutto per la soddisfazione di vedere Mario granare gli occhi e dire: “ma è davvero la mia cucina?!”

Vediamo dunque quali sono state le carte vincenti di questa soluzione di interior design.

arredare la cucina

Illuminare, dare ampiezza, recuperare spazio: questi sono gli obiettivi fondamentali su cui ci siamo concentrate.

Da qui, la scelta di utilizzare il bianco lucido come finitura, che riflette e illumina. I pensili della cucina non arrivano al soffitto: in questo modo si evita di appesantire troppo l’ambiente che apparirebbe più piccolo. I led soprapensile, servono proprio ad aggiungere luce e profondità, così come lo specchio.

Il piano di lavoro è una penisola stondata e inclinata, con mensole a vista. In questo modo si recupera spazio per il passaggio e si evita di farsi male con pericolosi spigoli vivi.

Ed ecco il pensile tondo: vista dall’ingresso – quello stretto ingresso tanto odiato da Mario – la cucina è decisamente armonica e piacevole, con le stondature che invitano ad entrare.

Funzionalità e divertimento

arredare la cucina

Non dimentichiamoci però che la cucina serve anche e soprattutto per…mangiare!
Per questo, su richiesta di Mario, abbiamo ritagliato un grazioso angolo per la colazione.

(Il tavolo da pranzo, invece, si trova in soggiorno).

La penisola in legno bianco è stata pensata “a ribalta”, ovvero apribile solo quando serve. E’ illuminata direttamente da due pendenti a forma di goccia.

Infine, un pizzico di divertimento: la parete con finitura a lavagna! Per scrivere la lista della spesa ma anche per dare il buongiorno ai propri compagni di vita… 🙂

Questa è una delle nostre soluzioni per arredare una cucina piccola. Ti è piaciuta? Faccelo sapere nei commenti!

Continue Reading